Impianti elettrici - Gs Impianti Tecnologici
15569
page-template-default,page,page-id-15569,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

Impianti elettrici

VERIFICHE PERIODICHE IMPIANTI ELETTRICI

Sono gli impianti elettrici che, con la loro presenza e con molta discrezionalità, garantiscono l’operatività di complesse aziende industriali, strutture commerciali, espositive, alberghiere o di una qualunque altra attività lavorativa.
Un anomalo funzionamento di questi impianti può infatti rappresentare un sicuro fattore di criticità, non solo in termini di mancata erogazione del servizio ma anche per tutte le potenziali conseguenze che si possono generare: presenza di tensioni pericolose sugli impianti, sorgente di innesco di incendio e/o di esplosione.
Per assicurare il miglior livello di sicurezza possibile occorre costantemente presidiare il “rischio elettrico”.
In termini concreti il presidio della sicurezza di una installazione elettrica comincia col rispetto degli obblighi imposti dalle leggi oggi in vigore.

LA NECESSITA’ DELLE VERIFICHE PERIODICHE
I principali obbiettivi delle verifiche periodiche si possono riassumere in 4 punti essenziali:

  1. Garantire che il corretto funzionamento degli impianti e dei macchinari
  2.  Garantire il livello di sicurezza previsto dalla norme tecniche
  3.  Garantire l’ assolvimento delle verifiche periodiche previste dalla legge previste dal DPR 462/01 e dalle norme tecniche
  4.  Individuare possibili situazioni di rischio occulto per gli operatori e studiando nuove soluzioni atte a segregare il pericolo entro idonee barriere di sicurezza.
Una Società  Multiservice con un’esperienza di 37 anni nella manutenzione impianti presso Enti Pubblici ed Ospedali, con CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ ISO 9000, certificato ambiente 14000 e cerificato sicurezza Hosas 18000, con mezzi e risorse qualificati e che possa dare una risposta alle vostre esigenze.

L’ OBBLIGO DELLE VERIFICHE PERIODICHE

Disposizioni legislative generali:
L’ obbligo di eseguire le verifiche degli impianti elettrici nei luoghi di lavoro, è sancito fin dal 1955 DPR 27 Aprile 1955, n 547 abrogato e sostituito dal Testo Unico Dlgs 81/08 e dalle Norme CEI 64/8 Sez. 6.
Responsabilità in mancanza di verifica
Art. 86 Testo Unico 81/08 ha esplicitato l’ obbligo per il datore di lavoro di verificare gli impianti elettrici e i dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche (verifiche manutentive).
I risultati di tali verifiche devono essere registrati e tenuti a disposizione dell’ autorità di vigilanza , art. 86 comma 3. La violazione da parte del datore di lavoro a questa disposizione è punita con la sanzione amministrativa pecuniariada 750 euro a 2500 euro.

L’ OBBLIGO DELLE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI DI MESSA A TERRA

Cos’è il DPR 462/01
Questo decreto si applica solo ed esclusivamente agli impianti realizzati nei luoghi di lavoro intendendo con questi i
luoghi in cui si è in presenza di almeno un lavoratore subordinato
DPR 462/01
Prima dell’ entrata in vigore del D.P.R. 462/01, il compito del datore di lavoro o del rappresentante legale, era quello di presentare i modelli di omologazione A – B – C all’ ASL/Arpa lasciando la responsabilità delle verifiche periodiche sugli impianti agli organi di controllo degli enti pubblici (USL/ASL/ARPA competenti per territorio).
Dopo l’ entrata in vigore del DPR462/01, il datore di lavoro od il rappresentante legale, oltre alla regolare manutenzione degli impianti stessi, ha l’ obbligo di fare effettuare le verifiche ispettive periodiche richiedendole ad un organismo abilitato dal ministero dello sviluppo economico o all’ ASL/ARPA.
Frequenza delle verifiche impianti messa a terra e scariche atmosferiche. Le verifiche periodiche hanno una frequenza biennale e quinquennale.